Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

News

IL GIOCATORE DI BASKET BASSO

Domenica 24 Febbraio 2019 in Storie

IL GIOCATORE DI BASKET BASSO

Il giocatore di basket basso un tempo era alto. Alle elementari. Per questo ha cominciato a giocare a basket.

I compagni del giocatore di basket basso erano alti come lui. Poi, verso i 14 anni, hanno cominciato a crescere come piante annaffiate. Lui no: a un certo punto si è fermato e ha visto gli altri superarlo di un dito,  una mano, una spanna. E lui lì sotto.

È a quel punto che il cestista basso, non potendo competere sotto canestro, si è specializzato in palleggio, velocità, assist, tiri da fuori e ubiquità. Ubiquità soprattutto.

Il cestista basso corre come un cavallo, palleggia come avesse uno yo yo, capisce dove saranno precisamente i compagni di lì a 4 secondi quando loro, quelli alti, ancora non sanno dove andare.
È circondato da pindoloni con arti spropositati che scappano da tutte le parti, mentre lui, il giocatore di basket basso, li tiene perfettamente sotto controllo. 

Gestisce la squadra da centrocampo, indica a quei giraffoni dove andare, e se quelli si sbagliano è capace di recuperarsi da solo la palla a spicchi dopo averla vista andare a vuoto. Corre, prende, riporta al centro.

Il cestista basso fa del suo baricentro il centro del gioco. È il perfetto esempio di come si trasforma un difetto in pregio, l'immagine viva del riscatto di tutti i bassi del mondo. 

Se non fosse che è basso solo in campo.

Il giocatore di basket basso, se lo vedi lontano dai suoi compagni, non è basso per niente.

Il giocatore di basket basso è un bellissimo bluff.

(Martina Chiarani)